Home page


XXV ANNIVERSARIO DELL’ORDINAZIONE PRESBITERALE DI
MONS. FILIPPO SARULLO PARROCO DELLA CATTEDRALE

“L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore!” (Lc 1, 46-47).

Col canto del Magnificat esprimo quanto attraversa il mio cuore in questa tappa così importante della mia storia sacerdotale: come per Maria di fronte al miracolo della divina Maternità, a dominare il mio animo sono soprattutto la gioia e la gratitudine.
I doni ricevuti mi portano a riscoprire con meraviglia che tutto nella mia vita è grazia, tutto è frutto dell’amore di Dio, che con la sua scelta di predilezione, sin dal seno materno, mi ha chiamato ad essere immagine viva del Buon Pastore.
Alla luce di questo amore, tutti i momenti del mio ministero presbiterale appaiono come occasioni di grazia e di divina benevolenza, che mi inducono a rinnovare con più motivata fiducia la consacrazione della mia vita al Signore.  Don Filippo Sarullo

MARTEDI’ 15 GENNAIO 2019 ore 18.00: S. Messa con i bambini del Catechismo ed i loro genitori

MERCOLEDI’ 16 GENNAIO ore 21.00: Adorazione Eucaristica presso la Cappella del Seminario

GIOVEDI’ 17 GENNAIO ore 21.00: Riflessione su Sacerdozio comune e sacerdozio ministeriale, a cura del seminarista Alessandro Imburgia presso i locali parrocchiali accanto alla Questura

SABATO 19 GENNAIO ore 18.00: Celebrazione Eucaristica nel XXV anniversario di Ordinazione Presbiterale di Don Filippo


L’11 gennaio alle ore 18.00 in Cattedrale S. Messa nella Cappella di S. Rosalia con la artecipazione delle Confraternite cittadine intitolate alla Santuzza, animerà la celebrazione il coro della Cattedrale.

Si vuole così riprendere la tradizionale devozionale del "Patrocinio di S. Rosalia" celebrato in Cattedrale fino al 1866 per ringraziare la Santuzza di aver intercesso per risparmiare la città dal terremoto che nel 1693, con epicentro nella Val di Noto, distrusse le parte orientale dell'Isola ed a Catania fece 18.000 vittime.

Si pregherà per i terremotati del recente sisma di Catania

La Parola del Signore

Domenica 13 gennaio - BATTESIMO DEL SIGNORE

Mentre Gesù, ricevuto il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì. (Lc 3,15-16.21-22)

In quel tempo, poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco».
Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

Il testo di tutta la liturgia nel sito La Chiesa.it >>


il 6 gennaio alle ora 19 in Cattedrale (interno)

SACRA RAPPRESENTAZIONE DEL PRESEPE VIVENTE


La Cattedra del Vescovo

PREGHIERA DELL’ARCIVESCOVO MONS. CORRADO LOREFICE PER IL SANTO NATALE 2018

SIGNORE, RENDICI CAPACI DI PREPARARE IL VERO PRESEPE

 Andarono dunque senz’indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia (Lc 2,16).

Signore Gesù, Figlio di Dio, tu hai assunto la nostra stessa umanità nell’umile casa dello sperduto villaggio di Betlemme in Palestina, regione periferica dell’impero romano.  Ti sei dovuto accontentare di nascere non in un palazzo fastoso bensì in un alloggio di fortuna, in una precaria baracca adibita a stalla, senza torrioni e ponti levatoi, accessibile a tutti, dove anche gli umili e i poveri hanno avuto modo di incontrarti e di adorarti con il Nome santo di Dio-con-noi (Emmanuel) e Salvatore (Yeshùa).  Nessuno ha provato imbarazzo, nessuno è stato respinto, a tutti è stato dato di prendere parte alla gioia messianica annunciata dall’angelo e che tu hai portato facendoti Bambino. Tutti ti hanno potuto visitare, i più poveri tra i poveri – i pastori – e i Sapienti venuti dall’Oriente.  Tu sei stato il primo profugo dell’era cristiana avendo vissuto il dramma della fuga e dell’esilio a motivo della sopraffazione del potente di turno di quella regione. Aiutaci a vivere il tuo Natale riconoscendo ogni piccolo, ogni donna e ogni uomo che chiede accoglienza. E se anche quest’anno abbiamo preparato un presepe nelle nostre case, nelle nostre chiese e nelle nostre comunità è per custodire un cuore di carne, umano, duttile, che appiana le strade, riempie le trincee e abbatte i muri per accogliere tutti, a maggior ragione, il povero, l’orfano, la vedova e il profugo: i prediletti di Dio. Sì, quanti incrociamo nelle nostre strade che chiedono pane, lavoro e casa, affetto e calore umano, o quanti approdano sulle nostre spiagge e nei nostri porti per chiedere rifugio e asilo.  Che non ci accada di rimanere in silenzio dinnanzi ai “dis-umani” decreti – tanto meno ad approvarli! –  che aggravano la sofferenza di quanti sono già vessati dalla povertà e dalla guerra, vere cause del fenomeno migratorio che l’idolatria del capitale e lo strapotere dei manager mondiali della finanza continua a generare dalle regioni e dai continenti periferici della terra.  Rendici capaci di preparare il vero presepe che ci fa fare memoria del tuo Natale; facci osare di aprire le nostre comunità, le nostre famiglie, le nostre canoniche, le strutture edificate dai santi palermitani testimoni della Carità, all’accoglienza dei poveri e di quanti saranno sottoposti, per decreto, alle intemperie, ai rischi e alle strumentalizzazioni della strada, privi di alloggio e di calore umano e cristiano.  Fa’ che in tanti nelle nostre comunità possano donare volontariamente parte del loro tempo, con creatività e competenza, nelle diverse realtà di accoglienza, di ascolto e di aiuto presenti nelle nostre realtà ecclesiali e nel nostro territorio.  Facci essere testimoni credibili del Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio nato a Betlemme dalla Vergine Maria.  Mons. Corrado Lorefice  Arcivescovo di Palermo


nella pagina "la cattedra del Vescovo" giorni ed orari delle celebrazioni e degli eventi in Cattedrale presieduti dall'Arcivescovo >>


per tutte le notizie sulla vita della Arcidiocesi

La Parroccha Maria SS. Assunta

la Cattedrale di Palermo è Chiesa Parrocchiale della Parrocchia Maria SS. Assunta che si estende soprattutto nel territorio del Cassaro Alto, Via Maqueda (fino alla Chiesa di S. Ninfa) e parte bassa del quartiere Capo.

La Cattedrale è aperta

dal lunedì al sabato dalle 07.00 alle 19.00

la domenica dalle 08.00 alle 13.00  e dalle 16.00 alle 19.00

Martedì 18 Dicembre la Cattedrale di Palermo chiuderà dopo la Santa Messa delle ore 7.30 e riaprirà alle ore 16.00 per manutenzione straordinaria. L' Area. Monumentale sarà quindi chiusa ad eccezione dei tetti che saranno visitabili dalle ore 9.30 alle 13.30 dall' accesso di via Matteo Bonello

Orario delle S. Messe

Giorni feriali: ore 07,30 - 18.00

Giorni festivi: 08,45 - 09,45 -11,00 - 18,00

Periodo di Avvento

Scarica in formato PDF il programma dei "Centri di Ascolto della Parola" nel territorio Parrocchiale >>


Mons. Filippo Sarullo è stao nominato dall'Arcivescvo S.E. Don Corrado Lorefice Canonico statuario del Capitolo Metropolitano

La Comunità parrocchiale si congratula con  il suo Parroco per la nomina e ringrazia il Signore per essere affidata alla sua guida pastorale.


Le ultime notizie della vita parrocchiale>>

Santa Rosalia

La vita, il miracolo, la festa. Le devozioni, Santa Rosalia nell'arte, visitare Palermo con Santa Rosalia (pagine realizzate in collaborazione con il Progetto Policoro - Arcidiocesi di Palermo). Nella sezione il racconto con video e foto del 394° Festino di Santa Rosalia

Il Beato Don Pino Puglisi

Il corpo del  Beato Padre Pino Puglisi, martire per mano mafiosa, riposa in Cattedrale, ai piedi dell'altare della Madonna della Immacolata Concezione, nella omonima cappella  nella navata laterale di sinistra.

I superbi mi hanno narrato cose vane, ignorando la tua legge;
io invece parlavo della tua legge davanti ai re senza arrossire

(Salmo 119,85.46)

Pellegrinaggio e venerazione  dalle ore 08 alle 13  e dalle 16 alle 19

Link al sito ufficiale di Padre Pino Puglisi

La Cattedrale di Palermo patrimonio dell'umanità

La Cattedrale di Palermo, dal 3 luglio del 2015, data della proclamazione a Bonn,  fa parte dell'ITINERARIO ARABO NORMANNO  che è stato inserito nella “WORLD HERITAGE LIST” dell’UNESCO quale PATRIMONIO DELL’UMANITA’. Insieme alla Cattedrale di Palermo fanno parte dell’itinerario i Duomi di Monreale e Cefalù ed in Palermo la Cappella Palatina, il Palazzo Reale, la Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti, la Chiesa della Martorana, la Chiesa di S. Cataldo ed il Ponte Ammiraglio.

"L'insieme degli edifici costituenti il sito di 'Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale' rappresenta un esempio materiale di convivenza, interazione e interscambio tra diverse componenti culturali di provenienza storica e geografica eterogenea.  Tale sincretismo ha generato un originale stile architettonico e artistico, di eccezionale valore universale, in cui sono mirabilmente fusi elementi bizantini, islamici e latini, capace di volta in volta di prodursi in combinazioni uniche, di eccelso valore artistico e straordinariamente unitarie.

link al sito UNESCO   scarica la locandina UNESCO

Il monumento: la storia , la visita virtuale e studi e ricerche

In questa sezione il visitatore del Sito è accompgnato a scoprire la cronistoria degli eventi storico artistici che hanno determinato la Cattedrale che oggi ammiriamo ed ad una visita virtuale del complesso architettonico e dei tesori d'arte in esso contenuti.

Infromazioni utili per i visitatori

Carissimo/a

Hai scelto come meta di del tuo navigare la nostra Cattedrale normanna di Gualtiero “Offamilio“,  casa della Comunità cristiana che stà in Palermo, costruita con le fatiche, l’ingegno, la fantasia creatrice e le sofferenze del popolo che in ogni epoca ha lasciato in essa il segno del proprio passaggio e simbolo del Tempio spirituale fatto di pietre vive che è la Chiesa di Dio”.
Ricordando l’insegnamento dell’Apostolo Paolo che ai romani scrive: “Accoglietevi gli uni gli altri, come Cristo ha accolto Voi”, Ti porgo il mio benvenuto e Ti do il fraterno abbraccio dell’accoglienza... continua >>

Il parroco Mons. Flippo Sarullo


 

L'area monumentale

La visita della Cattedrale è struttura in due aree. Una a libero accesso e coincide con la zona assembleare della Cattedrale costituita dallo sviluppo delle tre navate. La seconda, detta area monumentale, cui si accede con pagamento di ticket, è costituita da:

  • Cappelle delle Tombe Reali con i Sarcofagi di Federico II, Enrcico VI, Ruggero II e quelli delle regine Costanza D'Aragona e Costanza D'altavilla,
  • Tesoro della Cattedrale, in cui sono custoditi reperti della oreficeria normanna come la celebre corona di Costanza d'Aragona
  • Cripta in cui sono le tombe degli Arcivescovi che si sono succeduti alla guida dell'Arcidiocesi di Palermo ricavate in preziosi sarcofagi alcuni dei quali di epoca romana.
  • I tetti

Gli ambienti dell'area monumentale consentono anche di leggere i segni  della trasformazione della Cattedrale nel corso dei secoli.

Video dell'area monumentale:


Notizie su come arrivare in Cattedrale e sugli orari e modalità di visita

Itinerari di visita suggeriti

La visita dei tetti della Cattedrale

La visita permette di scoprire gli elementi artistici ed architettonici delle pareti esterne della cattedrale e di ammirare anche la Città dall'alto con le sue ricchezze paesaggistiche e monumentali.

Una anticipazione con slides show della visita:

 

La Cattedrale gualteriana

L'itinerario suggerito consente di scoprire e leggere le testimonianze della costruzione arabo-normanno come è a noi pervenuta. Una anticipazione fotografica

La visita del Museo Diocesano

si consiglia la visita del Museo Diocesano con le sue preziose testimonianze di arte sacra custodite in un'ala del Palazzo Arcivescovile. Link al sito del Museo >>

Il circuito del Sacro

La Cattedrale fa parte del Circuito del Sacro che consente ai suoi visitatori di godere di riduzioni nel costo dei tickets nei seguenti monumenti:

Oratorio di S. Cita, Oratorio di San Domenico, Oratorio di San Lorenzo, L'Oratorio del Piliere, Chiesa di S. Maria La Catena. Chiesa della Magione, Chiesa di S. Caterina S'Alessandria, Chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio - Martorana, Chiesa di san Cataldo, Palazzo Alliata Villafranca, Chiesa del SS. Salvatore,  Museo Diocesano di Palermo ed Oratorio S. Mercurio.

 

Contatti

Cattedrale di Palermo - C.so Vittorio Emanuele, 90128 Palermo - tel. 091.334373 - fax  091.334375

email: cattedrale@diocesipa.it

prenotazioni servizi  liturgici email:  segreteriacattedrale@diocesipa.it

informazioni turistiche e prenotazione visita e.mail: tourcattedrale@diocesipa.it

Ufficio Parrocchiale

Via Incoronazione 9 - 90128 Palermo - tel. 091.334373 - fax  091.334375

aperto da lun. a ven. 09,30 -  12.30,

il lunedì aperto anche dalle 15.00 alle 18.00

Link utili

Un'immersione nel territorio dell'Arcidiocesi con i suo splendidi tesori d'arte e soprattutto con la testimonianza del vissuto delle Comunità Ecclesiali parrocchiali